Tuesday, July 8, 2014

faiitttin rubenuolf

ho appena finito di leggere un libro.

detta così non è una gran novità, sono un lettore compulsivo.

il fatto è che un libro scritto in inglese.

detta così potrebbe non essere gran eclatanza, c'è chi le lingue straniere le conosce e utilizza molto meglio di me.

il fatto è che ha una sua simbolicità. il libro dico. o meglio: il fatto di averlo iniziato in un dato momento, di un determinato giorno, di un deteminato periodo, di una determinata contingenza. averlo iniziato scegliendo di far una cosa un po' fuori dal norma delle consuetudini, dopo varie suggestioni, consapevole che non sarebbe stato cosa immediata e "facile".

ce n'è abbastanza per renderla  come una cosa che, paradigmaticamente, dovrei fare in senso più allargato.

poi, a dirla tutta, parla di gente che lotta, nel senso di fighting: "per qualcuno che sa che lottare non è un'opzione", com'era scritto a penna sulla terza di copertina. cosa che non avevo notato quando me lo regalarono, o forse avevo rimosso. quindi ad estendere il paradigma ci sarebbe pure quell'aspetto, per quanto non in senso stretto, considerato sia di come non sia proprio capace far a pugni, e in senso molto più largo, avendo io - da un certo punto di vista - il culo al tiepidino.

però c'è il discorso della paura, che ammanta il protagonista, il narratore in prima persona. e la consapevolezza che non è mica una questione di avercela, la paura - che non uccide - ma quanto sapere che ci si può ri-alzare. o che chiunque può fermarti dal essere un vincente. ma solo tu da solo puoi fermarti nel lottare.

insomma. roba financo diretta e quasi linearmente figurata. ma stringi stringi c'è una sintesi che sto financo imparando a distillare da me medesimo. quindi però ho deciso che va bene così ugualmente, nella lineare poca psicopipponeggiamento.

avevo fatto una promessa: l'avrei letto prima di poter rivedere una persona. me lo son letto perché - tra le tante cose che potrei fare - chi lo sa se non potrebbe diventar oltremodo utile rispolverare e migliorare l'inglese. l'ho preso e l'ho aperto dalla prima pagina perché è un modo pure quello, per sterzare dall'ammasso gravitazionale dalla norma gaussiana - uno dei tanti.

l'ho letto. piccola istanza dell'agire. financo proud.

No comments:

Post a Comment